Gronge

Gronge

Marco Bedini: voce
Maurizio Bozzao: elettronica
Giacomo Ancillotto: chitarra
Federico Leo: batteria

Gli anni ’80 (2CD, 2015, Again Records)
Gronge X – Manuale Di Improvvisazione Per Giovani Socialisti

(CD, 2015, Danze Moderne)
Cremone Gigante Per Soli Adulti (2xCD, 2013, On Records Japan)
Dolci Ricordi (CD, 2012, Interbeat)
Senile Agitation – A Giovanni Lindo (CD, 2010 Contempo Records)
Coniglio Nazionale (CD, 2007, Interbeat)
Teknopunkabaret (CD, 1993, Interbeat)
A Claudio Villa (Original Sound) (LP, 1991, Wide Records)
Classe Differenziale (MiniAlbum LP, 1988, Inisheer)
Gronge & Move (LP, 1987, A&D Records)
Fase Di Rigetto (LP, 1986, Autoprodotto)

Gronge si forma nel 1985 dando vita a quello che loro stessi nel corso del tempo definiranno «un collettivo con performances che non si limita ad una idea strettamente canonica del tipo “la mia band suona il rock”, affrontando tematiche musical-concettuali».

Capostipite (assieme ai Franti) dell’autoproduzione in Italia, Gronge esporta per la prima volta il nome di una band sconosciuta ovunque nel mondo (dalla Sicilia a Berlino), utilizzando esclusivamente i propri mezzi (economicamente inesistenti), cabine telefoniche e ciclostile.

Gronge partorisce così, nell’arco di una decina d’anni, centinaia di esibizioni live, sei vinili e un cd che col titolo di “Technopunkabaret” finiva per diventare capostipite di un vero e proprio genere art-noise-punk-electro-rock campionato (capostipiti anche nell’utilizzo del campionamento in Italia) che, unitamente ad una vena teatral-grottesca, ispirava svariati gruppi (vedi ZU) che nella seconda metà degli 80 e nei primi 90 si andavano formando in ogni remota provincia dell’impero. Questo per quello che riguarda il Gronge a cui parteciparono decine di musici e attori improvvisati e non, video maker (almeno 3 clip di culto in un periodo in cui nessuno avrebbe potuto immaginare l’importanza che il videoclip avrebbe avuto), poeti e varie tipologie di personaggi. A questo si aggiungono intuizioni importantissime di lettura del non letto, come la prima (e poi riaggiornata altre due volte) versione di “Graffiti”, col testo rubato alla strada, e di utilizzo di costumi di scena fatti con materiali riciclati (quando ancora non esisteva la parola “ecologia”).

Come nelle peggiori favole ad un certo punto il signor Marco “Marcho” Bedini (cofondatore del branco) esce dal gruppo, ma si rende conto subito di non essere Jack Frusciante e dopo varie esperienze dai nomi più disparati tra cui gli ottimi PVC coi quali produce un cd dal titolo di “Elettrodomestico”, si ritrova di fronte all’amletico cranio senza possedere più gli stessi capelli. e con al fianco la oramai consolidata presenza di Maurizio Bozzao, decide di riprendere il mitico nome per dare il via a nuove ed entusiasmanti avventure. I Gronge ringraziano la Danze Moderne per aver stampato un disco di estrema avanguardia come “M.I.G.S.” e la Again Records per aver compresso in due cd tutta la discografia degli anni ’80.